fashion week milano 2017

Sfilate milanesi: la mia Fashion Week

settembre 27, 2016 by Valentina

Nuova moda o moda nuova? Le sfilate milanesi, in un caldo settembre ve le racconto io. L’onnipresente Renzi  inaugura le sfilate milanesi,  mentre io ho sostituito la corsetta al parco con la corsa per arrivare in tempo, mangiando quando e dove capita. Da oggi però, finite le sfilate milanesi, riprendo la mia alimentazione per stare bene leggi qui, e i miei centrifugati (provali mela carota e zenzero) e intanto vi  dico come ci vestiremo la prossima stagione.

Innanzi tutto ritorna il femminile. Forse, a molte sfilate milanesi,  si sono accorti che siamo donne, che amiamo cambiare spesso, et voilà,  diventiamo romantiche con volants e ruches. Gli anni 70 ritornano, per Cavalli e Aigner, con mini abiti ricchi di fantasie vintage e floreali.

sfilate Milanesi: roberto cavalli ss17

roberto cavalli

I colori delle sfilate milanesi?

Sarà che a me piace molto, ma ho visto il blu elettrico in molte collezioni, così come il giallo, l’azzurro, il rosso ciliegia, l’arancio, pur non mancando il classico bianco, beige e nero. Versace sceglie uno stile sportwear ma che sia lussuoso, amando però anche gli spacchi profondi, leggins in pizzo su giacche lunghe con l’intramontabile Naomi Campbell.

sfilate Milanesi: Versace ss17

Versace ss17

Devo dire che le top model  son state protagoniste delle sfilate milanesi: Bottega Veneta, che festeggiava 50 di attività ha portato in passerella Irina Shayk, Eva Herzigova, Adriana Lima, Gigi e Bella Hadid e Lauren Hutton. Ve la ricordate nel film American Gigolò con Richard Gere? No qui lui non c’era, purtroppo.

sfilate Milanesi: Bottega veneta ss17

Bottega veneta

Re Giorgio Armani non si smentisce mai sull’eleganza raffinata con trasparenze vedo-non vedo, Moschino invece ci fa giocare con le bambole di carta, le paper dolls, vi ricordate il gioco? Abiti con le linguette pieghevoli, gioielli dipinti, ruches fiocchi e drappeggi.sfilate Milanesi: Moschino ss17

MoschinoPizzi e trasparenze ovunque anche per Scervino, ma il vero inno all’italianità, alle sfilate milanesi, viene da Dolce&Gabbana: la Cavalleria Rusticana, uno show di pura essenza italiana, con ballerini da strada, apre la sfilata: il Tropico Italiano. Sugli abiti ciò che ci rappresenta, la pasta, la pizza, il sugo, il gelato. Coroncine di fiori sulla testa delle modelle, un grande spettacolo, che ha entusiasmato i presenti.  Alla sera, dopo l’inaugurazione del loro nuovo store in Via Monte Napoleone, è seguita una cena placée all’aperto,per 400 persone,  nella via chiusa al passaggio per questa occasione, e terminata con una festa nel loro Martini Bar.

sfilate Milanesi: Dolce&Gabbana ss17

Dolce&Gabbana

Un altro show ha aperto le sfilate milanesi: Philipp Plein che ogni anno vuole stupire. Ci siamo trovati in piena America anni ’50, con le corse in macchine scoperte, e una vera giostra piena di modelle. Con l’after show fino a notte inoltrata. Se invece di vestirle, vogliamo spogliare le donne pensiamo a La Perla, con trasparenze e sinuosità, mentre Capucci , con il nuovo direttore creativo Mario Dice, mostra una donna con un’eleganza sobria e non ostentata

sfilate Milanesi: La Perla ss17

La Perla

Chiara Boni ci ricorda che se si lavora, sono preferibili abiti che ci permettono di essere sempre perfetti, in ogni occasione, così come il Lanificio Colombo, che ogni anno presenta collezioni ricercate, abbina all’eleganza  un’artigianalità che punta sui dettagli e sulla qualità dei tessuti.

sfilate Milanesi: chiara boni ss17

Chiara Boni

E dopo avervi detto cosa indossare, presto vi darò anche tutte info per negozi dove acquistare senza far piangere la carta di credito. Cosa ne dite?

Credits: foto prese da Google

Related Posts

Leave a Comment




Utilizzando questo sito si acconsente all'utilizzo di cookies e altre tecnologie descritti nella nostra politica sui cookies   Ok