Micaela Scapin: Scusate per il disturbo

Micaela Scapin: Scusate per il disturbo

gennaio 8, 2015 by Valentina

Chi è Micaela Scapin?

Micaela Scapin, veneta, è una giornalista e lavora nell’Ufficio Stampa Media Relations di M: Comunicazione.

Cosa ha presentato Micaela Scapin?

Sono stata alla presentazione del suo libro ” Scusate per il disturbo “, dove ho ascoltato le riflessioni dell’autrice sul ruolo della memoria e dei ricordi.

Micaela Scapin: Scusate per il disturbo

Copertina “Scusate per il disturbo”

Di cosa tratta questo libro?

Questo libro entra nella tua vita in punta di piedi, delicatamente, un po’ come Micaela Scapin: piano piano, chiedendo scusa per la sua presenza.

Tratta di una storia che vuole raccontarci il valore dei ricordi, della memoria che ognuno di noi porta dentro di sé.

Com’è la trama del libro?

Questo connubio di emozioni e delicatezza racconta di Adele, una madre, che si accorge di scivolare lentamente verso una forma di oblìo da cui non verrà più fuori, un tunnel buio,  che le toglierà la memoria, e vuole lasciare alla figlia Emma un ricordo  indelebile e tangibile, la memoria del suo tempo e della sua anima.

Micaela Scapin affronta tematiche impegnative con leggerezza e tenerezza,  compreso il concetto di tempo: quanto tempo abbiamo? Quanto ne sprechiamo, e quanto ne usiamo per dare il giusto valore ai sentimenti?

Ricordiamo che il tempo ha una percezione diversa per chi è giovane rispetto alle persone attempate.  Si dice spesso ” non ho tempo, ci penserò domani.”  Ma il domani fugge, il tempo è inesorabile e non torna indietro. E si perdono i momenti.

Cosa viene descritto nel libro?

In questo libro la madre Adele vuole lasciare  un suo ricordo alla figlia finché il tempo glielo concede, perciò sceglie di descrivere i momenti della sua vita con i colori,  una tavolozza di colori che invade i pensieri, come un gioco di equilibrio.

Un cromatismo che vede il periodo rosa, felice, accanto all’ arancio, ancora sereno, il blu della riflessione, per passare al grigio o nero della crisi, e infine il bianco. Bianco, per Adele è il colore dell’ultimo cammino, di un percorso sulla neve, dove invita la figlia a non cercare le orme che lei  ha lasciato sulla neve, perché saranno in seguito coperte dai suoi passi.

Curiosa e osservatrice,  vuole interiorizzare tutto ciò che la circonda, compresi suoni e odori, per lasciare un  patrimonio umano di ricordi e d’amore, declinato in vari modi, dal cibo, ai gesti alle carezze: Memorie e Mamma, le due emme importanti.

Micaela Scapin: Scusate per il disturbo

Micaela Scapin

Micaela Scapin trasmette immagini di alta suggestione mentre ci offre una grande messaggio sulla comunicazione. In un mondo dove la comunicazione è imperante e attivissima, spesso non ascoltiamo.

Abbiamo perso il dono dell’ ascolto, di considerare il tempo trascorso insieme come un regalo per il futuro. Micaela invece ci regala un libro per una futuro che fonda le sue radici sul ricordo e sulla memoria, per trasmetterci alcuni valori che nella nostra vita frenetica a volte dimentichiamo. Grazie Micaela.

Un ringraziamento anche alla grande professionalità, gentilezza  e simpatia di Giorgia Assensi,  pr  e  press office.

Leggi la recensione del libro Il sacrificio di Eva Izsak

Leave a Comment




Utilizzando questo sito si acconsente all'utilizzo di cookies e altre tecnologie descritti nella nostra politica sui cookies   Ok