Frieze Art Londra

Cosa fare e vedere al Frieze Art Fair di Londra

ottobre 10, 2016 by Valentina

Che cos’ è il Frieze Art Fair London ?

Il Frieze Art Fair London è una delle più importanti fiere di Arte Contemporanea. La fiera si svolge in ottobre, dura pochi ma intensi giorni a Londra, in Regent’s Park. 

La prima edizione si è tenuta nel 2003, grazie alla rivista Frieze Magazine. Tutta la città, diventa un susseguirsi di mostre, eventi, vernissage, molti brand scelgono di presentare le loro produzioni insieme alle opere e alle performance di parecchi artisti. Vi sono oltre 130 gallerie d’arte, nuovi progetti di artisti, conferenze, intrattenimenti culturali e spettacoli.

Ultimamente, oltre alle gallerie d’arte quasi sempre presenti, ci sono molte new entry provenienti dal sud est asiatico e dall’America Latina, a riprova del clima di globalità della manifestazione. Ormai è una vetrina mondiale, sempre attenta alle esigenze del pubblico, rimanendo al passo con i tempi.

Frieze Art fair london 2016

Frieze Art Londra

Come partecipare e cosa aspettarsi dal Frieze Art fair

Per partecipare si possono acquistare i ticket, chiedere un accredito stampa, o richiedere  l’invito vip che dà diritto alla preview, prevista anche per la stampa. Alcune serate e opening iniziano uno o due giorni prima, e sono su invito.

Bellissima, ma stancante, prova tu ad uscire dalla mattina fino a tarda notte sempre vedendo opere d’arte, arrivi a sera che Gillo Dorfles ti fa un baffo! Mettete scarpe comode, ballerine da borsa, che non sono sexy ma servono benissimo allo scopo, e pit stop del tacco 12 prima di entrare agli eventi.

Troppi  gli artisti coinvolti per raccontarli tutti  e infinite gallerie d’arte, solo in Frieze Master vedi circa 130 gallerie con opere che spaziano dall’ antichità fino al Novecento, unendo stili assolutamente diversi tra loro, come il Barocco, l’ Espressionismo astratto o l’arte giapponese, uniti solo dalla passione che è l’anima di ogni movimento artistico. Scusate ma mi incanta sempre (a me piace), quel geniaccio di Salvador Dalì, poi Frank Stella, pittore e scultore minimalista, Basquiat, e mi fermo qui.

Devo dire che a Frieze Art era notevole la presenza femminile, molte artiste hanno esposto quest’anno. Vedete il mondo tutto rosa? Eccolo, Pink Projet di Portia Munson, una ventata di rosa assoluto in tutte le declinazioni, per comprendere cosa nasconde il pensiero femminile.

Frieze Art Londra

Dove andare a Londra durante il Frieze Art Fair

Un quartiere assolutamente da vedere durante Freize Art Fair è il quartiere di Mayfair, uno dei più conosciuti ed esclusivi quartiere di Londra. Tra Park Lane, Piccadilly Street e Regent Street è una zona di boutiques griffate, hotel di lusso, gallerie commerciali e d’arte.

Qui si trovano le migliori sartorie di Londra, e trovate anche numerose gallerie d’arte presenti come la Royal Academy of Arts. Troverete anche le gallerie di David Zwirner, Spruth&Magers, Pace Gallery immaginata come una conversazione sui concetti attuali e storici del mondo. Levy&Gorvy con altre gallerie hanno esposto Delta, quattro dipinto e alcune opere di Frank Stella di Espressionismo astratto.

Poi se in Piccadilly Street volete immergervi nella cultura inglese dovrete fare qualche passo in più. Qui troverete Fortnum & Manson, il fornitore ufficiale dei reali inglesi per la gastronomia, dove si svolge ancora il rito del tè tipicamente inglese. Ricordatevi che l’orario per l’ afternoon tea è alle 17.

Una passeggiata nell’aera dei Giardini Inglesi di Regent’s Park e d’obbligo per vedere Sculpture Park, con i lavori di artisti del Novecento e contemporanei.

Poi recatevi a Berkeley Square per il PAD, fiera d’arte e design. Una fiera di origini parigine che quest’anno ha scelto di vestirsi di bianco anziché di nero. La nostra cara Italia era presente alla Galleria Mazzoleni con le opere degli artisti del dopoguerra, da Lucio Fontana, a Alberto Burri, Piero Manzoni, Michelangelo Pistoletto. Sempre le nostre opere sono esposte nella galleria di Nilufar e di Leonardo Farsetti.

Frieze Art Londra

Le aste sono un must

In tema di arte poi, non potevano mancare le aste, Sotheby’s ma soprattutto Christie’s, che quest’anno festeggia i 250 anni di attività e ha venduto la prestigiosa collezione di Leslie Waddington. A prezzi da capogiro, son sicura, ma l’arte è una dispensatrice di emozioni. Tutto è iniziato a dicembre 1766 a Pall Mall, una via di Londra, quando si tenne la prima asta di Christie’s, fondata da James Christie ora di proprietà di François Pinault. Certo i primi oggetti venduti erano di modesto valore, ferri da stiro, vasi da notte, coltelli, piatti, lenzuola. Nulla a che vedere con le aste attuali che hanno visto numerose opere d’arte opere d’arte vendute a cifre altissime.

Già nel 1892 la casa d’aste ha venduto il suo primo quadro impressionista di Degas. Dal 1926 in poi, furono battuti Rembrandt, Velasquez, Mantegna, Manet, diversi Van Gogh, tra cui I girasoli, fino ad arrivare ai record di Les Femmes D’Alger di Picasso venduto per 179 milioni di dollari,  Nu couche di Modigliani a 170 milioni e Salvator Mundi di Leonardo da Vinci venduto per 450 milioni di dollari. Non solo quadri: La Bibbia di Gutenberg, arazzi, diamanti o auto d’epoca.

Frieze Art Londra

Frieze Art Londra

Frieze Art Londra

Frieze Art Londra

Frieze Art Londra

Frieze Art Londra

Frieze Art Londra

Credits: photo © fashioninfusion.it

Leggi i miei post:

Related Posts

Leave a Comment




Utilizzando questo sito si acconsente all'utilizzo di cookies e altre tecnologie descritti nella nostra politica sui cookies   Ok