Antonia Sautter: l'incanto del sogno

Antonia Sautter: l’incanto del sogno

febbraio 28, 2014 by Valentina

Il futuro appartiene a coloro che credono nella bellezza dei propri sogni. Questa frase di Eleanor Roosevelt riassume la volontà di Antonia Sautter di realizzare i propri sogni.  Vive in luogo al confine tra la terra e il cielo, dove il mare si espande in città: Venezia.

Antonia Sautter: l'incanto del sogno

Padre tedesco e madre veneziana, sarta, che fin dall’autunno iniziava a prepararle il costume per il carnevale, mentre Antonia Sautter da bambina, studiava i personaggi da interpretare, da Cleopatra a Mata Hari, Maria Antonietta. Una madre che riusciva a creare, con precisione e cura dei dettagli, dei veri capolavori in miniatura, e dalla quale Antonia Sautter ha ereditato la passione, la creatività e la fantasia.

Antonia Sautter

Passione che, con la sua capacità manageriale, Antonia Sautter, ha trasformato in una fiorente attività, con tre botteghe artigianali e un atelier, dove espone i suoi splendidi abiti, che vengono realizzati con tessuti e materiali preziosi, velluti e sete che tinge e declina in mille nouances  per ottenere la perfezione.

antonia sautter

Ho incontrato Antonia Sautter nel suo atelier, e subito ti colpisce la freschezza e la determinazione di questa donna che ha respirato magia e suggestione fin da bambina e che ha saputo ricreare l’incanto del sogno.  Una domanda sorge spontanea:

Vivi in una città dall’atmosfera affascinante e un po’ decadente, quanto ha contribuito Venezia ai tuoi progetti?

Certamente è una città particolare, con una tradizione secolare, come quella del Carnevale, che in questo modo non esiste in altre città, e spesso è stata la mia fonte di ispirazione. Non l’unica però, anche il cinema, nella mia vita ha avuto una parte importante.

Cosa ha rappresentato per te il cinema?

Fa parte della mia vita. Lo amo fin dall’ infanzia, quando da piccola assistevo con i miei genitori alle proiezioni domenicali. Era un rito che mi coinvolgeva  e mi emozionava. L’intensità nella sala buia, il silenzio, l’attesa delle scene successive, erano momenti  indimenticabili.

Nicole kidman and Tom Cruise in "Eyes Wide Shut"_Antonia Sautter: l'incanto del sogno

Nicole kidman and Tom Cruise in “Eyes Wide Shut”

Dalla passione per il cinema, la collaborazione con il grande schermo è una conseguenza:  hai disegnato i 400 sontuosi costumi del film Vivaldi, un prince a Venise, e il regista Stanley Kubrick ha scelto il tuo atelier per la realizzazione delle maschere del film Eyes Wide Shut, nell’arcinota scena del film con Tom Cruise e Nicole Kidmnan. D’altronde la maschera è la protezione dell’io cosciente, di chi sa trasformare la libertà in creatività del sogno, non pensi?

Si,  esistono le maschere della vita e quelle dove si nascondono i sogni, e non amo parlare  di fortuna: se le cose capitano è perché noi riusciamo ad attirare quello che sogniamo. Nel mio negozio è entrato l’assistente di Stanley Kubrick, stava cercando le maschere per la scena del film Eyes Wide Shut. Tom Cruise e Nicole Kidman le hanno indossate!  Non credo fossero le uniche maschere che ha visto a Venezia, però ha scelto le mie, forse perchè  io infondo  passione in ogni cosa che faccio, dalla più semplice alla più complessa.

Quali sono i film che ti hanno emozionato?

Devo dire che il Casanova di Fellini, mi ha sempre destato una grande emozione, l’atmosfera pervasa di malinconia,  ondeggiante tra brume di mistero e decadenza. La stessa che si respira anche in Barry Lyndon di  Stanley Kubrick,  che interagisce col tempo, mostrando una società che sta cambiando. Ma amo  anche i film di Bernardo Bertolucci, come The Dreamers.

Scene da: Barry Lyndon - Casanova - The Dreamers_Antonia Sautter: l'incanto del sogno

Scene da: Barry Lyndon – Casanova – The Dreamers

La tue creazione prediletta  però è il Ballo del Doge, definita da ABC Television  Una delle 10 cose da fare nella vita.

Si il Ballo del Doge rappresenta una delle mie opere più importanti,  che comporta però una notevole mole di lavoro:  ormai sono più di vent’anni e questo grazie alla passione mia e dei miei collaboratori, più decine di aziende esterne che si occupano delle scenografie, scarpe, catering.  Vi sono costi altissimi, e senza l’appoggio delle istituzioni, ma solo di un valido sponsor come Veuve Cliquot. Non è solo un party, ma anche una vetrina della tradizione italiana.

Antonia Sautter: l'incanto del sogno

Il Ballo del Doge ogni anno sceglie un tema diverso da rappresentare, ma di questo ne parleremo in seguito.

Saluto Antonia Sautter, rivolgo un ultimo sguardo a questo atelier dei sogni, e mi avvio verso Piazza San Marco.

Related Posts

    1 commento

  1. angela
    6 agosto 2014 at 17:26

    grande donna capace di riverdire i fasti di un tempo incredibile

Leave a Comment




Utilizzando questo sito si acconsente all'utilizzo di cookies e altre tecnologie descritti nella nostra politica sui cookies   Ok