IL BALLO DEL DOGE 2020

Carnival Rhapsody, il nuovo tema del Ballo del Doge 2020

febbraio 28, 2020 by Valentina

Il Carnevale di Venezia era ritornato con i suoi riti, le maschere, le feste e i balli tra cui spicca il Ballo del Doge 2020.

Dico era tornato, perché subito dopo questo Ballo, lo spettro del Coronavirus è arrivato su Venezia. Il Carnevale è stato chiuso in anticipo, domenica, il giorno dopo. Speriamo che il prossimo anno questo problema sia già abbondantemente risolto, ma vediamo intanto le meraviglie che Il Ballo del Doge 2020 ha riservato quest’anno.

RAN FINALE _IL BALLO DEL DOGE 2020

Quest’anno il Ballo del Doge cambia location

Quest’anno il Ballo del Doge 2020 si è svolto nel monumentale edificio della Scuola Grande della Misericordia. Un palazzo storico, trasformato per l’occasione dal talento creativo di Antonia Sautter in un contenitore di sogni e magia.

Sappiamo che questo non è un semplice ballo, ma uno spettacolo onirico con un susseguirsi di performance. Ogni anno un tema e un titolo diverso. Quest’anno il tema era Carnival Rhapsody: Provocation, Redemption, Miracle. Tre sottotemi per declinare i diversi momenti del Ballo. Un susseguirsi incessante di esibizioni con i 150 artisti presenti, che hanno divertito i 360 ospiti internazionali arrivati da tutto il mondo.

Tutti rigorosamente in costume: chi preferisce affittarlo a Venezia si può rivolgere all’Atelier di Antonia Sautter per l’abito, sono tutti bellissimi. E per un trucco e parrucco in linea con la festa era possibile rivolgersi ai make up artist dell’Accademia BSI di Anna Del Prete, fondata da Diego Dalla Palma, che per chi è di Milano, è un’istituzione.

IL BALLO DEL DOGE 2020

Vediamo cosa ha offerto la sapiente coreografia del Ballo del Doge 2020

Subito una Venezia che viene salvata da Poseidone, il dio del mare. Un dio portato dalle onde ( un gruppo di ballerine con il corpo dipinto in body painting) che omaggia Venezia. La città  lagunare torna a fare pace con le acque, tra polene e angeli che volteggiano, accompagnati da una miriade di luci ed effetti speciali.

Quest’anno i piani del palazzo erano due (gli altri anni al Pisani Moretta erano 3) e come sempre hanno offerto temi e ambientazioni diversi. In entrambi i piani erano presenti Bar-station del brand Campari per servire il cocktail Venetian Rhapsody dedicato all’evento.

Anna Del Prete_Antonia Sautter

Avete mai pensato di poter cenare dentro ad un giardino in un palazzo?

E’ stato così. Al primo piano dello stabile si entrava in un raffinato giardino all’italiana, con prati sempreverdi, siepi e aiuole traboccanti di fiori. In questa atmosfera, era incastonato il palcoscenico per gli spettacoli. Intorno, scale e balaustre con statue viventi, delimitavano i tavoli per la cena placèe. Cena innaffiata da bollicine di un perlage italiano, Franciacorta Docg Coronea, e vini italiani dell’azienda Bocelli 1831. In questo meraviglioso giardino, Antonia ha riproposto il meglio delle 26 precedenti edizioni del ballo del Doge. Tutti rivisitati in una nuova versione, che spaziavano dal canto alla danza artistica, all’illusionismo o la follia del circo. Erano gli spettacoli che hanno affascinato i partecipanti del ballo in tanti anni, sempre piacevoli da rivedere.

BOCELLI wine

L’ omaggio alla città di Venezia e alle donne.

In questa occasione Antonia ha voluto però omaggiare sopratutto Venezia, vittima dell’inciviltà e quest’anno anche del maltempo. Tutti abbiamo visto le immagini dell’acqua alta che l’aveva sommersa, e il lavoro dei veneziani per tornare alla normalità. Un altro omaggio è stato però alle donne, all’universo femminile, alla loro energia creatrice, la loro forza, la loro determinazione. Una sfilata di regine della storia che hanno cambiato il destino del mondo, da Elisabetta I a Cleopatra, Caterina di Russia, Isabella di Castiglia e molte altre.

Mi ricordo quando Antonia mi raccontava che sua madre, ogni anno riusciva a confezionare per lei un costume di carnevale sontuoso ed elegante, ispirato a un importante personaggio femminile della storia. Passione che è rimasta e che continua, per celebrare il talento femminile. Un modo per ricordare le grandi donne della storia e per omaggiare tutte le donne, che sono il motore dell’universo. Il prossimo appuntamento con il sogno? Arrivederci al 13 febbraio 2021 sempre a Venezia.

TRIO SOPRANO_Ballo del Doge 2020

OPENING IL BALLO DEL DOGE 2020

Credits: press office courtesy

Related Posts

    6 commenti

  1. Maria Domenica
    28 Febbraio 2020 at 14:15

    Le maschere ed i costumi del Ballo del Doge sono straordinari, ben curati e fantasiosi. I colori e le atmosfere sono davvero incredibili. Peccato non esserci stata. Grazie di questo articolo.

  2. fra
    28 Febbraio 2020 at 16:16

    Ma che meraviglia… questi spettacoli mi sembra che si distinguano sempre per valore e pregio. Molto bello il Ballo del Doge, sono spettacoli da non perdere. Un anno ci voglio andare.

  3. Cristiane
    28 Febbraio 2020 at 19:13

    Che meraviglia! Sono brasiliana ma sono completamente affascinata dal Carnevale di Venezia, anche se molto diverso di quello di Rio. Il Ballo del Doge poi è un bellissimo spettacolo, spero un anno di riuscire a vederlo.

  4. mary pacileo
    28 Febbraio 2020 at 19:47

    Che bello questo Ballo del Doge, meravigliosi i costumi, deve essere fantastico vederlo dal vivo

  5. Sara Bontempi
    29 Febbraio 2020 at 9:21

    Ho sempre voluto vedere il Carnevale di Venezia e tutti gli aventi che girano intorno ad esso. Questo deve essere stato spettacolare! Ottimo articolo

  6. Erika Cammarata
    2 Marzo 2020 at 11:24

    Non avevo mai sentito parlare del Ballo del Doge e sono rimasta molto affascinata. Scenografie meravigliose che ti fanno entrare dentro la rappresentazione in un mondo magico. Mi piacerebbe assistere per il prossimo anno.

Leave a Comment




Utilizzando questo sito si acconsente all'utilizzo di cookies e altre tecnologie descritti nella nostra politica sui cookies   Ok